Calcolo della rendita di vecchiaia

Come viene calcolata la vostra rendita di vecchiaia?

Quando andate in pensione, il vostro avere di vecchiaia accumulato fino ad allora viene convertito in una rendita annuale. Per questo calcolo viene utilizzata l’aliquota di conversione valida al momento del pensionamento. Per maggiori informazioni vogliate consultare le schede informative riportate sulla destra.

Siete assicurati alla CPE? Calcolate le prestazioni della vostra cassa pensione con il calcolatore di simulazione.

Aliquota di conversione

L’aliquota di conversione indica come l’avere di vecchiaia disponibile deve essere convertito in una rendita di vecchiaia. Alla CPE l’aliquota di conversione (AC) per chi va in pensione a 65 anni ammonta, per uomini e donne, al 5,65% (vale per la rendita di vecchiaia target). In altre parole: su un avere di vecchiaia, per esempio, di 100 000 CHF la CPE paga una rendita di vecchiaia vitalizia di 5 650 CHF all’anno.

Aliquote die conversione
 Età  Aliquota di conversione *
 58  4.70%
 59  4.80%
 60  4.90%
 61  5.05%
 62  5.20%
 63  5.35%
 64  5.50%
 65 5.65%
* Rendita di vecchiaia target (rendita versata quando il grado di copertura si attesta tra il 100% e il 119,90%).

Rendita di base e rendita supplementare

La vostra rendita di vecchiaia prevista è indicata nel vostro certificato di previdenza individuale. Il certificato di previdenza indica la vostra rendita di vecchiaia target (= rendita versata quando il grado di copertura si attesta tra il 100% e il 119,9%).

La vostra rendita di vecchiaia è suddivisa in una rendita di base e in una rendita supplementare. Il 90% della rendita (rendita di base) è garantita. Quando le condizioni finanziarie della CPE sono buone, la vostra rendita viene aumentata al massimo del 10% della vostra rendita di vecchiaia target. Se il grado di copertura è inferiore al 100%, la vostra rendita viene ridotta al massimo al 90% della vostra rendita di vecchiaia target. Per maggiori dettagli potete consultare la scheda informativa sulla rendita supplementare.

Rendite per coniugi e conviventi

Al momento del decesso di un pensionato, il coniuge o il convivente superstite riceve il 63% della rendita di vecchiaia corrente. Se il pensionato deceduto aveva diritto a una rendita di base e una rendita supplementare, anche la rendita per coniugi e per conviventi è suddivisa in due parti.

Se convivete e desiderate che il vostro partner riceva da noi delle prestazioni dopo la vostra morte, dovete comunicarci al più presto la convivenza. Utilizzate a questo scopo il modulo «Notifica di convivenza». Mille grazie.

Se non ci comunicate la convivenza quando siete ancora in vita, la rendita per conviventi non sarà concessa. Le disposizioni sulla rendita per conviventi sono contenute nel regolamento di previdenza, articolo 16.